La scadenza del 1° gennaio 2020 è passata e tu non hai ancora un registratore di cassa telematico? Niente paura: grazie alle deroghe hai tempo fino al 30/06 mesi in più per adeguarti, ma occhio ai dettagli.

Il passaggio dall’annotazione manuale dei corrispettivi alla loro trasmissione in modalità telematica richiede, nella pratica, più di un milione di interventi di installazione o adeguamento dei registratori di cassa; tanti sono infatti i registratori di cassa in Italia.

Per andare incontro alle esigenze degli esercenti e garantire più tempo per mettersi in regola per questo importante cambio di normativa, è stata prevista una deroga che sospende per 6 mesi le sanzioni e consente, nei fatti, 6 mesi in più per adeguarsi.

Ecco cosa succede con queste deroghe:

  • Per coloro che dovevano dotarsi di un registratore telematico entro il 1° luglio 2019 ma non ci sono riusciti, le sanzioni erano sospese fino al 31 dicembre 2019. Questi esercenti devono però hanno dovuto tassativamente dotarsi di un registratore telematico entro il 31 dicembre 2019.
  • Per coloro che dovevano dotarsi di un registratore telematico entro il 1° gennaio 2020 ma non ci sono riusciti, le sanzioni sono sospese fino al 30 giugno 2020. Chi rientra in questo scaglione deve tassativamente dotarsi di un registratore telematico entro il 30 giugno 2020. 

Le sanzioni dunque sono sospese, ma resta l’obbligo del caricamento dei corrispettivi sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

La tua cassa può essere ancora non telematica fino al 30/06/2020 ma dovrai comunque caricare manualmente i tuoi corrispettivi sul sito dell’Agenzia delle Entrate con una procedura manuale.

PUBBLICATO DA

Redazione EasyCassa

Creiamo contenuti e approfondimenti su normative, tematiche fiscali, tecnologie per il Retail e novità dal mondo degli esercenti.