Sei qui
< Indietro

Cosa succede quando devi tenere chiuso il tuo punto vendita durante il weekend, per ferie, per malattia o ad esempio per l’emergenza COVID-19? È necessario fare qualcosa per comunicare all’Agenzia delle Entrate la chiusura?

Se decidi di tenere chiuso il tuo punto vendita per qualche motivo, sia semplicemente la domenica sia per periodi più lunghi, come in caso di ferie, di malattia o in situazioni straordinarie come l’emergenza COVID-19, è evidente che EasyCassa non trasmetterà alcun corrispettivo all’Agenzia delle Entrate perché nei giorni di chiusura non ci saranno operazioni di cassa.

È opportuno tuttavia seguire le semplici operazioni indicate in questo articolo per essere sicuri di utilizzare EasyCassa nel modo corretto.

Cosa fare se devi tenere chiuso il punto vendita per più di 24 ore come nel caso dell’emergenza Coronavirus?

Prima di andare a casa devi ricordarti di effettuare la regolare chiusura giornaliera e spegnere il terminale di EasyCassa.

Successivamente è buona norma spegnere anche la stampante di EasyCassa: questa è un’operazione che andrebbe fatta sempre.

Ricordati di spegnere la stampante fiscale dal pulsante On/Off sul retro

Cosa fare alla riapertura dopo più di 24 ore di chiusura?

Al tuo rientro, dopo avere avviato EasyCassa – sia il terminale che la stampante – quest’ultima emetterà un “documento gestionale” con alcune informazioni.

Su questa particolare ricevuta viene indicato il periodo di inattività – ad esempio in sabato e la domenica, se hai tenuto chiuso durante il weekend – e un comando da eseguire per comunicare la fine del periodo di inattività all’Agenzia delle Entrate.

Quello che dovrai fare sarà premere il pulsante sulla parte anteriore della stampante – chiamato “tasto feed” – per comunicare la fine del periodo di chiusura e ricominciare con una regolare apertura di cassa.

Nota: se hai dimenticato di spegnere la stampante, non verrà stampato nulla.

Ecco cosa succede “dietro le quinte”

Sei interessato a capire il perché di questo comando? Il comando sopra citato permette di eseguire una chiusura “a zero”, che di fatto invia all’Agenzia delle Entrate un file XML sul quale il valore dei corrispettivi è zero, e alla voce “periodo inattivo” del file vengono compilate le date in cui il tuo punto vendita è stato chiuso.

NON CONOSCI ANCORA EASYCASSA?

Scopri l'unico sistema di cassa "tutto incluso" in abbonamento.

Precedente Come si fa il reso di uno scontrino?
Successivo Aggiungere mascherine e DPI su EasyCassa