Il termine “mashup settoriale” identifica alcuni esempi di attività che innestano altri canali di vendita (comunque correlati a quello principale) con successo.

Nell’articolo spieghiamo il termine “mashup settoriale” identificando alcuni esempi di attività che innestano altri canali di vendita (comunque correlati a quello principale) con successo.

Esempi di questo tipo sono ormai numerosi in ogni settore di mercato, sebbene le combinazioni non siano infinite nei mash-up di settore. Infatti, va sempre ricercato un approccio strategico che metta al centro la customer journey e l’esperienza del cliente/utente per individuare eventuali sbocchi di mercato alternativi rispetto alla tradizionale attività mono-settoriale.

Scopriamo però cosa si intende per “Mashup settoriale”.

Cos’è il Mashup settoriale?

Il termine “Mashup settoriale” è piuttosto comprensibile nel suo significato: si tratta, infatti, di un’azione compiuta da un’azienda per diversificare la sua offerta di prodotti.

Naturalmente, i prodotti che vanno ad arricchire la gamma in dotazione di un brand che compie questa azione di diversificazione non rientrano nella tradizionale offerta del brand stesso. Ad esempio, una catena di fast-food che introduce una linea di caricabatterie per le auto rappresenta una valida versione di Mashup settoriale.

Il concetto, quindi, è semplice da spiegare e da comprendere ma sicuramente non è semplice da mettere in pratica in modo efficace e con successo; bastino gli esempi storici fallimentari di Colgate (che lanciò una linea di prodotti alimentari nel 1982) e di Harley-Davidson (che invece provò a piazzare sul mercato una linea di profumi) a far capire quanto sia complicato attuare una strategia di diversificazione.

L’unione di fisico e digitale

La strategia di differenziazione dei prodotti offerti dall’azienda deve sicuramente partire dai dati raccolti sul comportamento dei consumatori, da survey e altre modalità di interazione diretta dei clienti che sono in grado di sottolineare desideri e necessità di questi ultimi.

Bisogna poi tenere in mente il principio di prossimità da applicare alle innovazioni o all’introduzione dei nuovi prodotti, termine questo che si utilizza per sottolineare l’importanza di non discostarsi troppo dal settore tradizionale di interesse di un brand nell’andare a proporre nuovi articoli (vedi l’esempio di Colgate).

Così, per aiutarti a comprendere i tuoi clienti e i consumatori prima di intraprendere una strategia di questo tipo, ti consigliamo di dotarti di strumenti digitali come un sito web, una newsletter e altri canali di comunicazione che possono effettivamente servire per proporre questionari e survey agli utenti in modo da avere chiare le idee generali del tuo target specifico. Azioni di questo tipo sono alla base di tutti gli esempi di successo degli ultimi anni che hanno portato alla ribalta il Mashup settoriale come formula per valorizzare l’esperienza del cliente tanto in-store quanto all’interno dell’e-commerce.

Azioni e strumenti giusti

Per far sì che un’azione di Mashup settoriale abbia successo è fondamentale che ci si possa dotare degli strumenti giusti come detto in precedenza. Le piattaforme di e-commerce, un buon sito web, una newsletter regolare ed accattivante e dei profili social funzionanti sui quali procedere con l’attività di aumento della community di riferimento.

Tutte queste azioni sono utilissime in quanto in grado di metterci in contatto con il nostro target e ricevere importanti insight rispetto a quali prodotti potrebbero rappresentare una svolta settoriale per l’azienda.

Linee di packaging, di articoli da regalo, di abbigliamento personalizzato o di altri prodotti, una volta introdotti con successo, ci danno la possibilità di attirare nuovi consumatori e di convertirli successivamente anche sulle linee di prodotto tradizionali.

Le difficoltà di gestione, però, di questa innovazione sono dietro l’angolo e c’è bisogno dei mezzi adatti per riuscire a valorizzare a pieno una strategia di Mashup settoriale. A questo proposito ti consigliamo il registratore di cassa All-In-One EasyCassa che grazie alle sue funzionalità efficienti e trasversali, ti permette di gestire facilmente tutte le attività di pagamento, acquisto, gestione dei prodotti e non solo.

All-in-One, “tutto in uno”, infatti significa che con EasyCassa hai proprio tutte le funzionalità e servizi forniti da un unico partner affidabile, con la possibilità di creare listini e cataloghi di prodotto personalizzati per organizzare al meglio le vendite in cassa e monitorare in tempo reale le performance di vendita di ognuno di loro. Una soluzione particolarmente importante, soprattutto se avete intenzione di innovare la vostra offerta con strumentazioni al passo coi tempi e introdurre nuovi articoli.

Logo EasyCassa bianco su sfondo magenta circolare

PUBBLICATO DA

Redazione EasyCassa

Creiamo contenuti e approfondimenti su normative, tematiche fiscali, tecnologie per il Retail e novità dal mondo degli esercenti.

SCOPRI EASYCASSA

Vieni a scoprire la comodità di EasyCassa, il sistema di cassa telematico all-in-one che ti dà tutto con un unico abbonamento: hardware, software, assistenza, strumenti di analisi, fatturazione elettronica e tanto altro.

EasyCassa dispositivi

© Mooney Servizi S.p.A.
Codice Fiscale e Partita IVA:
10387150963