La fattura accompagnatoria deve essere consegnata al trasportatore per accompagnare la merce che viene inviata da un’azienda a un cliente.

La fattura accompagnatoria è un documento con valore contabile che viene emesso quando si verifica una cessione di beni che devono essere fisicamente trasferiti al cliente: questo documento, infatti, accompagnerà la merce nel viaggio che dovrà fare e sarà consegnato al cliente. La fattura accompagnatoria non può essere utilizzata, invece, per la prestazione di servizi, in questo caso la normativa prevede l’utilizzo della fattura immediata.

La fattura accompagnatoria è un documento ibrido tra un Documenti Di Trasporto (DDT) e una fattura immediata. Pertanto, dovrà contenere sia le informazioni fiscali presenti in quest’ultime, sia le indicazioni che vengono riportare all’interno dei DDT relativi al trasporto, come data di consegna o spedizione, descrizione della natura, della qualità e quantità dei beni.

Come compilare la fattura accompagnatoria

Come documento a metà tra una fattura e un DDT, la fattura accompagnatoria deve contenere alcune informazioni presenti in entrambi i documenti:

  • numero progressivo del documento;
  • data di consegna e spedizione della merce;
  • generalità dei soggetti tra cui viene effettuata l’operazione (azienda e cliente);
  • generalità del soggetto incaricato al trasporto;
  • descrizione dei beni trasportati: natura, peso e quantità;
  • prezzo unitario dei beni trasportati ed eventuali sconti praticati;
  • totale imponibile ai fini IVA;
  • importo IVA in base all’aliquota da applicare alle singole categorie di beni;
  • importo totale;
  • firma dell’impresa che spedisce la merce;
  • firma del soggetto incaricato al trasporto;
  • firma del destinatario (da apporre alla consegna).

La fattura accompagnatoria deve essere emessa in tre copie: per l’azienda, il trasportatore e il cliente. Le ultime due copie devono essere firmate perché la firma costituisce la prova dell’avvenuta consegna della merce.

    Fattura accompagnatoria e fatturazione elettronica

    Con l’introduzione della fatturazione elettronica, anche la fattura accompagnatoria è stata sottoposta a questo processo.

    Con la fatturazione elettronica una fattura si considera ufficialmente emessa e valida solo dopo la trasmissione e l’accettazione del documento in formato XML al Sistema Di Interscambio (SDI) dell’Agenzia delle Entrate, se non viene inviata né accettata non ha valore fiscale.

    Dal momento che il processo di invio e accettazione difficilmente può compiersi prima che la merce venga spedita al cliente ma che, al tempo stesso, la merce non può viaggiare senza una documentazione valida relativa al trasporto, l’azienda mittente dovrà:

    • creare il DDT da predisporre con la merce venduta;
    • compilare la fattura elettronica XML, inserendo anche i dati relativi alla sezione riferita alla fattura accompagnatoria con i dati del trasporto;
    • inviare la fattura elettronica attraverso lo SDI, allegando il file XML e il DDT;
    • conservare la documentazione.

     

    Relativamente alla fattura elettronica, l’azienda potrà scegliere se emettere fattura immediata o differita: la prima deve essere emessa nelle 24 ore successive alla conclusione dell’operazione, mentre la seconda entro il giorno 15 del mese successivo alla consegna della merce.

    EasyCassa può aiutare i commercianti nel processo della trasmissione telematica degli scontrini e della fatturazione elettronica. Le fatture possono essere catalogate per data e si possono facilmente controllare i ricavi, si possono emettere le note di credito e ricevere le fatture dai fornitori senza avere bisogno di affidarsi a software di terze parti per la gestione.

    PUBBLICATO DA

    Redazione EasyCassa

    Creiamo contenuti e approfondimenti su normative, tematiche fiscali, tecnologie per il Retail e novità dal mondo degli esercenti.